Suppellettili liturgiche

Data Inizio
Gennaio 1, 2022
Evoluzione della Suppellettile

I vasi eucaristici di primi cristiani rispondevano ad esigenze di praticità, col tempo la forma e la materia furono codificate da precise regole che prevedevano l’uso di materiali non fragili ed impermeabili.

La raccolta esposta di oggetti appartenuti ai Vescovi "isolani" rivela la sensibilità con cui portarono avanti il loro ministero.

La preziosa Croce astile, opera di un ignoto argentiere napoletano della metà del XVIII secolo, che fa parte degli arredi donati alla Cattedrale dal vescovo Felice Amato (1743-1764),

la Croce pettorale realizzata in oro e cammei del XX secolo, fu donata dall’Arcivescovo di Napoli, cardinale Alfonso Castaldo al suo segretario il futuro vescovo d’Ischia Antonio Pagano.

Si conserva altresì un Reliquiario chiamato il “Braccio di Sant’Andrea” donato dalla famiglia Cossa all’antica Cattedrale.

Il manufatto si compone di due parti: una base e la riproduzione dell’avambraccio che accoglie la reliquia, un frammento osseo dell’avambraccio, custodita a sua volta in una capsula di vetro e metallo dorato sigillata.

È stato oggetto di un recente restauro nel 2019 e nel corpo del cartiglio centrale alla base si riconoscono l'effigie del Santo e la croce decussata a forma di "X".

dettaglio reliquiario san andrea
dettaglio base reliquiario di san andrea
disegno del braccio di san andrea

Di notevole interesse storico-artistico e liturgico è l’Instrumentum pacis proveniente dall’Arciconfraternita di Santa Maria di Costantinopoli di Ischia, che reca il punzone NAP 71. G.B. che costituisce uno dei pochi esemplari che si custodiscono nell’isola d’Ischia.

Recent Posts

    Recent Comments

    Nessun commento da mostrare.
    Latest Posts
    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: No feed found.

    Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

    Il Museo Diocesano di Ischia è la porta d’ingresso ad un viaggio alla scoperta della millenaria storia di Ischia e della sua religione.